La Biennale dei Giovani Artisti dell’Europa e del Mediterraneo, dal nome Mediterranea 19 School of Waters fa tappa nella Repubblica di San Marino dal 15 Maggio al 31 Ottobre 2021.

Il titolo scelto per la diciannovesima edizione è School of Waters, e la Biennale sarà immaginata come una piattaforma collettiva capace di decostruire gli stereotipi derivati ​​dall’interpretazione eurocentrica del bacino del Mediterraneo.

Daniele Guidi – Mediterranea 19: la biennale dei giovani artisti a San Marino

Tra gi oltre settanta giovani artisti, provenienti da 21 diverse nazioni, chi rappresenterà la Repubblica Sanmarinese all’evento sono la curatrice Giulia Gregnanin e l’artista Valerio Conti.

I giovani artisti Giulia Gregnanin e Valerio Conti di San Marino

Il Titano potrà fregiarsi di due nuovi e giovani talenti nel campo dell’arte, chiamati ad ispirarsi alle sperimentazioni contro gli stereotipi dei nostri immaginari geografici: in particolare quelli legati all’interpretazione eurocentrica dell’area mediterranea. School of waters infatti ruota intorno al tema dell’acqua e quindi, oltre che al Mar Mediterraneo – che “lega” forme e vite diverse – anche all’ecologia e ai temi della sostenibilità.

«Vogliamo sostituire a una prospettiva “terrestre”, quella che ci ha abituati ad esempio all’idea dei nazionalismi, una visione di tipo acquatica, non tanto in termini romantici quanto anche politicamente molto carica»

Simone Frangi, gruppo curatori.

Giulia Gregnanin, che è parte del board curatoriale, ha così approfondito per l’occasione il mito sanmarinese in relazione ai diritti delle donne. Valerio Conti, invece – artista audio-visivo, architetto e performer – parteciperà con l’opera site-specific Ex Corpore _Ostensio.

Il lavoro consiste in una campagna di affissione lungo il territorio di San Marino, in particolare ai lati della superstrada: l’arteria di collegamento che recide la viabilità pedonale e polarizza i luoghi di ritrovo dei cittadini”.

EX CORPORE _OSTENSIOMediterranea19 | San Marino

Tra i luoghi delle esposizioni i luoghi simbolo della Repubblica: la Galleria Nazionale – che ha sede nelle Logge dei Volontari – la Prima Torre – o Guaita – il Palazzo della Società Unione Mutuo Soccorso (S.U.M.S.) – la scala santa e le tre cellette all’Antico Monastero di clausura di Santa Chiara, il Centro Studi permanente sull’Emigrazione-Museo dell’Emigrante, le Cisterne del Pianello, il Museo di Storia Naturale, l’Istituto di Studi, Ricerche e Documentazione, ed infine il Ridotto del Teatro Titano.