Rassegna stampa di oggi su Startup e Innovazione, a che punto siamo in Italia, Daniele Guidi.

Startup e innovazione in Italia: fare impresa oggi, obiettivo possibile

Oggi per fare impresa in Italia bisogna puntare sulla competitività dl mercato globale e non si può prescinder da una forte caratterizzazione digitale e innovativa.

Per fare ciò la necessità è quella di avere un ecosistema strutturato che favorisca la nascita ma sorattutto lo sviluppo di nuove imprese ad elevanto contenuto tecnologico. A che punto è l’Italia?

Leggi l’articolo su Econopoly IlSole24Ore

I processi di problem solving e innovazione: come dare spazio alla critica

Sempre su Econopoly un interessante articolo che spiega come dare spazio all’innovazione conservando il senso critico e limtando il conformismo. Si parla della matrice dell’innovazione appunto, e dell’azione di tema leader sulla produzione di idee, soluzioni, modelli ma anche sulle strutture relazionali del gruppo. Molto interessante.

Startup della salute: i campioni in Europa che segue l’Italia

Ho ritrovato un vecchio articolo, abbastanza interessante sulle startup nel settore della salute, ma comunque attuale. Riguarda l’impego dell’intelligenza artificiale nelle diagnosi mediche. I riferimnti sono al report “The European Healthcare Startup Ecosystem” di Nina Capital, società specializzata in investimenti nel settore health tech. Germania, Regno Unito e Spagna si confermano in testa, ma le opportunità – rese possibili dalle nuove tecnlogie – ci sono anche per l’Italia che deve mettersi al passo per non perderle.

Si parla sempre più di nuove tecnologie, da intelligenze artificiali capaci di superare le capacità umane nella diagnosi di patologie, a robot che operano il paziente a distanza di migliaia di chilometri dal chirurgo, fino a ologrammi per la telepresenza e sensori che rilevano in tempo reale qualsivoglia parametro del nostro stato di salute.

Startup della salute, l’Europa ha i suoi campioni. L’Italia insegue

Sul blog di Daniele Guidi: Intelligenza artificiale: dobbiamo averne paura?

Italia-digitale-daniele-guidi